Mostra fotografica “Grandi felini” in sede LILT Treviso

Abbiamo deciso di destinare uno spazio espositivo presso la sede #LILTTreviso ad artisti di valore, esordienti o già affermati, pittori, fotografi, disegnatori che rappresentano uno spaccato significativo del mondo artistico trevigiano.
Stasera inauguriamo la mostra “Grandi felini” di Matteo Bendini, neuroradiologo al Cà Foncello di Treviso, appassionato di fotografia naturalistica e di animali allo stato libero.
Parte del ricavato delle mostre sarà destinato alla LILT per sostenere i progetti per la lotta contro i tumori. Vi aspettiamo dal 16 al 14 ottobre 2022 presso la sede di Via Venzone 7 a Treviso.
Note sull’artista:

MATTEO BENDINI

Udine 3 aprile ‘63

Lavora come neuroradiologo al Cà Foncello di Treviso. Se la sua vocazione è la medicina, la sua passione è la fotografia naturalistica in tutte le sue espressioni, ma soprattutto degli animali allo stato libero. Instancabile viaggiatore, l’interesse per la natura lo ha portato a visitare molteplici luoghi. Crede nello straordinario potere di comunicazione della buona foto- grafia ed il suo obiettivo è quello di raccontare storie di specie animali e di creare immagini emozionali che abbiano come soggetto la varietà e la complessità della natura. Lo scopo è quello di stimolare interesse per la bellezza, l’importanza e la fragilitàdel mondo naturale. Questa mostra è dedicata ai gran- di felini in pericolo di estinzione: basti pensare che 50 anni fa i leoni erano 450.000, ora sono 20.000, le tigri 45.000 ora 3.000, i ghepardi 50.000 ora 12.000 e i leopardi 700.000 ora 50.000. Se non si fermerà il bracconaggio e il commercio illecito di organi e pellicce in 20 anni non ci saranno più grandi felini allo stato brado.

 

vi consigliamo

“DIVINE. Ritratto di attrici dalla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica
1932 – 2018”

La battaglia contro i tumori ha bisogno anche di te

Il tuo sostegno è prezioso per consentirci di essere ogni giorno al fianco del malato e della sua famiglia, portando avanti le nostre attività di prevenzione.