Sei in: Home > Primo piano > LAPINARELLO CYCLING MARATHON 2011

LAPINARELLO CYCLING MARATHON 2011

Pedala la prevenzione per il melanoma a “lapinarello cycling marathon” 2011

LAPINARELLO 2011


I ciclisti hanno fatto pedalare veloce la prevenzione contro il melanoma a “lapinarello cycling marathon” 2011 di Treviso. Infatti, molti di loro - simpaticamente invitati dall’organizzatore Andrea Pinarello - hanno accettato di diventare testimonial della campagna di prevenzione promossa dal Centro Regionale Melanoma di Padova in collaborazione con la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) di Treviso e la Dermatologia dell’ULSS 9. 
Ad ogni ciclista è stato chiesto di farsi portavoce della prevenzione indossando un tatuaggio con il sole che ride in occasione della gara. Sono stati numerosissimi gli atleti che hanno accettato entusiasti di farsi tatuare la gamba prima di salire in bicicletta ed affrontare i tornanti che li avrebbero portati fino a Cima Grappa.
Un corretto rapporto con il sole, unitamente alla conoscenza dei fattori di rischio, è alla base della prevenzione dei tumori della pelle ed in particolar modo del melanoma, la cui incidenza è andata in progressivo aumento anche nella regione Veneto.
Le persone impegnate in attività sportive all’aperto, specie se intense e prolungate, possono ricevere dosi non trascurabili di radiazioni ultraviolette (UV), anche in relazione alle condizioni atmosferiche ed all’abbigliamento adottato. E’ per questo motivo che i ciclisti, come anche i maratoneti, sono stati scelti come possibili categorie a rischio per due ricerche in corso (Piccoli Punti for Runners e Piccoli Punti for Bikers) che si realizzano attraverso una campagna itinerante di prevenzione in occasione delle principali manifestazioni sportive (podistiche o ciclistiche) in Veneto. Sono già più di duemila gli atleti che sono stati visitati grazie a questo progetto e molti di loro hanno potuto beneficiare di un’asportazione precoce di lesioni cutanee sospette, grazie alla possibilità di una visita specialistica sul posto.
In occasione della Gran Fondo Pinarello che si è corsa domenica 17 luglio a Treviso, i volontari della LILT (Fortunato, Claudia, Danilo, Rosanna, Roberto e Francesco) hanno permesso di realizzare una tappa importante del progetto “Piccoli Punti for Bikers”. Nonostante il caldo estivo, i volontari si sono mescolati ai ciclisti nella tradizionale kermesse ciclistica ed hanno sensibilizzato gli atleti alla cultura della prevenzione fornendo loro preziose indicazioni per l’autocontrollo della pelle, con la possibilità di ricevere una visita di approfondimento presso gli ambulatori LILT dedicati. 

LAPINARELLO 3 2011


Durante i due giorni della manifestazione, i volontari della LILT e quelli dell’Associazione Piccoli Punti hanno fornito a tutti i partecipanti, sia prima che dopo la gara, utili informazioni per conoscere meglio i tumori della cute e per attuarne meglio la prevenzione attraverso un’esposizione più sicura al sole anche durante la pratica sportiva.
La prevenzione del melanoma è stata anche oggetto della tavola rotonda “Ciclismo & Salute”, tenutasi sabato sera presso il Palazzo dei Trecento, a Treviso. Alla presenza di numerosi ciclisti e appassionati, è stato posto l’accento sull’importanza di un ciclismo sano, corretto e rispettoso: si è parlato di preparazione atletica e corretta alimentazione, ma anche di tutela della salute e prevenzione. Durante l’incontro il Dott. Luca Campana, del Centro Regionale Melanoma dell’Istituto Oncologico Veneto di Padova, ha illustrato ai presenti i risultati preliminari del progetto “Piccoli Punti for Bikers” (campagna itinerante di prevenzione del melanoma rivolta ai ciclisti) e l’utilità della prevenzione per la pelle anche per le persone giovani ed impegnate in attività sportive all’aperto.
Lasciata per un attimo la bicicletta, ben 198 ciclisti hanno potuto ricevere una visita specialistica sul posto presso lo Stand Piccoli Punti-LILT allestito in occasione della manifestazione ciclistica presso la Loggia dei Cavalieri ad opera dei medici del Centro Melanoma di Padova e della Dermatologia dell’ULSS9 di Treviso, con i seguenti esiti:

124 visite dermatologiche con esito negativo (autocontrollo della cute)
57 persone inviate a visita di controllo
17 persone inviate per asportazione chirurgica di un nevo atipico

Complessivamente, quindi, l’iniziativa ha piacevolmente sorpreso gli sportivi, che hanno apprezzato la possibilità di ricevere sul posto un controllo gratuito dei propri nei. I dati raccolti ed i risultati delle visite effettuate contribuiranno a far proseguire la ricerca promossa dal Centro Regionale Melanoma.


CALENDARIO EVENTI